CATCH ME

Catch Me è il nuovo progetto di Illoco Teatro, in fase di creazione.

Debutto: 11 agosto 2022 Teatro Castagnoli di Scansano | Teatro nel bicchiere - Festival di Maremma 2022



“Ogni uomo nasce come molti uomini e muore come uno solo.”

 M. Heidegger


Catch Me nasce dall’esigenza di perseguire un lavoro di ricerca sul conflitto tra i desideri che guidano le azioni dell’individuo, e le paure che ne attanagliano l’arco dell’esistenza.

Catch Me è un inseguimento nell’inconscio.

Un giallo sulla rimozione e sull’Io.

Una tragedia greca interiore e personale.

Uno spettacolo multidisciplinare che utilizza diversi linguaggi scenici:

danza, manipolazione di oggetti, videoproiezioni e ambientazioni sonore.


La storia

Cinque anni fà, mentre facevamo ricerche per uno spettacolo, ci siamo imbattuti in un baule pieno di vecchie foto e cianfrusaglie.

Insieme a questi oggetti, 15 nastri su cui una singola persona aveva registrato i sogni della sua vita.

Ennio racconta in questi nastri, attraverso i suoi sogni, i desideri che insegue e le paure da cui è inseguito per tutta la sua vita.

Nel tentativo di ricostruirlo dal materiale, ogni interprete ha , in realtà, costruito un proprio Ennio, uno specchio in cui guardarsi, capirsi e perdonarsi.

Quattro atti che hanno al centro i temi del diventare grandi e del ricevere in eredità. Un documentario teatrale che si snoda tra sogni e reperti.


La scena

Una grande parete su cui, come dice Ennio in un sogno, erano appesi dei quadri, i reperti esposti come in uno spazio museale costituiscono l’architettura dello spazio.

Una scena illuminata esclusivamente da abat-jour e torce elettriche manipolate dagli attori, crea uno spazio scenico dove sogni, personaggi e reperti appaiono e scompaiono dal buio.

Lo spettacolo utilizza le fonti di luce come telecamere per immergerci in una grammatica scenica simile a quella del sogno.

Crediti

Regia Roberto Andolfi

Drammaturgia Rosalinda Conti

Aiuto regia Alessia Giglio

Con Maria Vittoria Argenti, Dario Carbone, Annarita Colucci, Valeria D’Angelo, Anton De Guglielmo

Coproduzione Teatro nel bicchiere Festival di Maremma